Oggetto: Indicazioni relative alle modalità di contenimento delle nuove varianti di SARS-CoV-2

Setting scolastico e collettività infantili – nota regionale del 2 marzo 2021 (pro.G1.2021.0013306)

In relazione alla nota in oggetto, di seguito le modifiche inerenti la gestione dei casi di contagio da SARS-CoV-2/Covid-19 all’interno del Setting scolastico e delle collettività infantili:

a) E’ necessario sottoporre la classe a quarantena esclusivamente se il soggetto risultato positivo:

  • ha frequentato la scuola nei 14 giorni precedenti l’esordio dei sintomi;
  • ha frequentato la scuola nei 14 giorni precedenti l’effettuazione del tampone nasofaringeo (se asintomatico).

b) La quarantena per tutti i contatti stretti di caso ha durata di 14 giorni (in assenza di insorgenza di sintomi anche lievi) con successiva riammissione del soggetto in collettività a seguito di tampone negativo, preferibilmente molecolare, o antigienico rapido.

c) In presenza di uno o più soggetti risultati postitivi nella singola classe, tutti i bambini/studenti sono messi in quarantena per 14 giorni.

d) Gli insegnanti che lavorano anche parzialmente nella classe messa in quarantena effettuano tampone molecolare e proseguono l’attività lavorativa (anche nel periodo di attesa dell’esito del tampone) ad esclusione del verificarsi delle seguenti situazioni:

  • Esito positivo del tampone effettuato
  • Identificazione di variante nella classe/i di docenza
  • Insorgenza di casi secondari tra gli insegnanti della stessa classe

e) Nei plessi scolastici ove il 30% delle classi sia coinvolta da almeno un caso di Covid (anche se non variante) oltre all’attivazione delle procedure di quarantena sopra descritte, ATS valuta in base alle caratteristiche del cluster(es. numero di classi e soggetti coinvolti, presenza varianti, ecc.):

  • La sospensione delle attività in presenza per l’intero plesso scolastico.
  • La quarantena di tutti i soggetti afferenti la scuola (ossia si tutti i bambini/studenti, compresi quelli delle classi non interessate dai casi)
  • L’effettuazione di uno screening completo mediante tampone dell’intero plesso.

f) Nei plessi scolastici ove il 50% delle classi sia coinvolta da almeno un caso di Covid (anche se non variante), oltre all’attivazione delle procedure di quarantena indicate si procede alla sospensione delle attività in presenza per l’intero plesso scolastico e alla quarantena di tutti i soggetti afferenti alla scuola (ossia bambini/studenti compresi quelli delle classi non interessate da casi).

Le regole per la messa in quarantena delle varie tipologie di soggetti contatti stretti (fermo restando che il caso accertato – alunno/personale scolastico – è tenuto ad isolamento domiciliare obbligatorio), e per l’invito a tampone, sono definite e aggiornate al link Raccolta tracciamento contatti scuola-Riservato ai dirigenti scolastici (ats-brianza.it), che si raccomanda di consultare.

Si ringrazia per la collaborazione.

Riportiamo parte delle indicazioni di ATS Brianza, reperibili alla pagina https://www.ats-brianza.it/it/azienda/news-online/148-master-category/servizi-ai-cittadini/2304-scuola-informazioni-per-le-famiglie.html

Il processo di identificazione dei casi di CoviD-19 nella collettività scolastica è rappresentato in tabella.

Riportiamo di seguito il documento dell’Istituto Superiore di Sanità, contenente le indicazioni in caso di sintomi sospetti per studenti e personale scolastico, il link alle indicazioni specifiche fornite da ATS Brianza e il modulo di autocertificazione per il rientro.